Archivi categoria: Laboratori

Scuola Resta Aperta!

Per liberare i bisogni e i desideri di bambin* e ragazz*
Per sperimentare metodologie e didattiche alternative e all’aperto
Perché la scuola non riapra così come ha chiuso

12 giugno 2020 l‘Assemblea Mompracem Infanzia/Adolescenza propone

Sperimentazioni didattiche diffuse e all’aperto al Parco delle Energie e al Lago Bullicante 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immaginiamo il mondo come aula. In continuità con la mobilitazione dell’8 giugno “Apriti scuola”, proponiamo azioni educative diffuse sul territorio per dimostrare che con l’immaginazione e la creatività è possibile fare formazione e didattica, mantenendo la distanza fisica e promuovendo la vicinanza sociale. Partendo da due elementi insostituibili dell’apprendimento, la relazione e l’esperienza, parchi, giardini, spiagge, luoghi aperti dove è possibile mantenere il distanziamento, possono diventare aule a cielo aperto dove sperimentare lezioni, laboratori e attività sportive e ricreative. La comunità educante con i genitori, esperti e cultori delle materie, gli stessi “alunni” più grandi, mettendo in comune saperi e sperimentando metodologie, possono rendere possibile un’idea di scuola che vada oltre alle soluzioni tecniche e discriminanti della DAD, e alle aule di plexiglas, una collaborazione attiva per rendere reale e concreto il valore della partecipazione e della corresponsabilità di fronte alle esigenze educative di cui sentiamo l’urgenza.

Venerdì 12 giugno ore 17:00-19:00
Lago Bullicante, via di Portonaccio 230 

“La vita nella fabbrica”
Laboratorio storico 5-11 anni: Attraverso le schede del personale dell’Archivio della Viscosa, con immagini e racconti, ripercorreremo insieme le storie di vita e la quotidianità degli operai e delle operaie all’interno della fabbrica e nel quartiere. A cura del Centro di documentazione Territoriale Maria Baccante Archivio Storico Viscosa.  

“L’energia e la tecnica” 
Laboratorio di tecnica 5-11 anni: Come fare per aiutare il nostro pianeta e consumare meno energia? Osservando gli edifici della vecchia fabbrica e nel Parco delle Energie parleremo di tecniche di costruzione tradizionali e di bioarchitettura, di energia da fonti fossile e  rinnovabili,  e risparmio energetico.

“Giochiamo con l’equilibrio”
Laboratorio di equilibrismo 5-6 anni: Attraverso l’equilibrismo, e non solo, bambine e bambini si avvicinano al meraviglioso mondo del circo, fatto di giochi, percorsi e sfide divertenti.

“Apiario didattico”
Laboratorio naturalistico > 5 anni: “Quando morirà l’ultima ape, all’umanità resteranno solo 4 anni di vita.” (Einstein) L’umanità, per la sua sussistenza, dipende dai pronubi e dalle api in particolare, senza l’impollinazione non si mangia! Attraverso l’osservazione diretta dell’apiario didattico, bambine e bambini scopriranno la complessa società delle api. 

“Gli uccelli del Lago”  
Laboratorio naturalistico 5-11 anni: alla scoperta della biodiversità dell’avifauna nidificante e di passaggio al Lago Bulicante.

Il sentiero delle piante spontanee” 
Laboratorio naturalistico 5-11 anni: Osserviamo insieme le tante piante e alberi che nascono e crescono spontanee al lago, impariamo a dare loro un nome, conoscere la loro storia – anche le piante viaggiano! – e il loro uso.

“la Natura maestra d’Arte”
Laboratorio arte e natura 5-11 anni: Le forme della natura, osservate e combinate nelle mani di bambine e bambini, possono diventare forme d’arte: disegni con colori naturali, collage, piccoli interventi ambientali e altro ancora.

*I laboratori saranno limitati a 7 partecipanti, nel rispetto delle norme di distanziamento e sicurezza vigenti, e si ripeteranno nel corso delle due ore. Per organizzare al meglio le giornate è consigliata la prenotazione via email indicando il laboratorio che si desidera frequentare a lagoexsnia@inventati.org

Scuola Resta Aperta! è una proposta in rete e a partire da Tavolo per l’Educazione Popolare, Altramente, Assemblea Mompracem Infanzia/Adolescenza, Associazione Genitori Di Donato, Biblioteca Popolare Mondo Piccolo.

Vi aspettiamo!!

polvere: una storia sull’ILVA – Teatro

Polvere - una storia sull'Ilva a teatro regia di Giulia Paoletti e sceneggiatura di Pierfrancesco Nacca

Venerdi sera in occasione del quarto sciopero globale climatico 29 N ➤ Sciopero Globale a Roma – Block Friday! la Snia è lieta di ospitare Polvere – una storia sull’Ilva a teatro regia di Giulia Paoletti e sceneggiatura di Pierfrancesco Nacca, (h21). a seguire Fulcro Live + Dj set & Cena sociale!

“C’è un mostro che dorme indisturbato, accovacciato su un fianco, imponente, sbuffa continuamente, di notte e di giorno.
E’ un’ombra inafferrabile ed inarrestabile, una mano nera che copre l’intera città di Taranto. Una piaga che accomuna il destino di molte famiglie. Ha nome di donna, probabilmente di origine etrusca, un tempo i romani chiamavano con il suo nome l’Isola d’Elba: ILVA. ILVA in altre parole significa ferro, in altre ancora morte. Un vero e proprio Olocausto nella città di Taranto, solo negli ultimi sei anni ci sono stati 11.550 morti, una media di 1.650 morti l’anno. Lavoro o salute? Questo è il grande interrogativo che da anni affligge il popolo tarantino che adesso è convinto più che mai: “noi l’industria non la vogliamo”.

POLVERE è il pretesto per raccontare dal punto di vista di una famiglia tarantina, gli effetti che la grande acciaieria (ILVA) provoca ai danni della città di Taranto e dei suoi abitanti. La famiglia Cataldo è composta da Mimmo, Marina e il figlio Piero, insieme vivono nel quartiere Tamburi a ridosso dell’impianto siderurgico.
Mimmo (Claudio Spadaro) lavora per l’acciaieria come operaio metalmeccanico specializzato, mentre Marina (Marina Lupo) insegna nella scuola elementare Ugo De Carolis. Da qualche tempo Marina è in aspettativa perché ha riscontrato un carcinoma alla pleura (il tumore più diffuso nella città di Taranto). Piero (Pierfrancesco Nacca), loro unico figlio, vive un rapporto conflittuale con il padre, lo ritiene il responsabile diretto della malattia della madre.

Questa triste vicenda viene smorzata dalla figura di un Ragazzino (Andrea Lintozzi), che non è altro che la proiezione di Mimmo da giovane, prima che diventasse uomo, lavoratore, marito, padre. Il Ragazzino apparirà quasi ex machina all’interno della storia facendoci gustare un’Italia del passato, una Taranto di una volta, prima dell’ avvento del grande mostro (Italsider e poi ILVA), prima dei social network. Questo Ragazzino tornerà costantemente durante la storia come una boccata d’aria buona e sana.
POLVERE racconta la storia di una famiglia appesantita dal piombo, dal nichel, dalla diossina, dall’arsenico, dal benzopirene. Una famiglia che fondamentalmente si ama ma che è avvelenata e il veleno in circolo darà luogo ad uno scontro generazionale (tra padre e figlio) senza esclusione di colpi.

LOGOS Festa della parola 2019: Futuro

LOGOS – Festa della Parola 2019 | nona edizione

Dal 23 al 27 Ottobre 2019 negli spazi del Nuovo Cinema Aquila, del Csoa eXSnia, Parco Delle Energie Ex Snia Via Prenestina, Lago Exsnia, anche quest’anno comporremo il vocabolario del mondo che vogliamo vivere. Cinque giorni di letteratura, musica, cinema, arte, teatro, fumetto. Cinque giorni di scambi, esperienze, lotte e testimonianze per confrontarsi sulla parola di questa nona edizione.

Parola festeggiata #FUTURO

📢📚🔧🎵🎸📰🎉 🌳🌿🐦🍻
LETTERATURA * CINEMA * TEATRO * FOTOGRAFIA * ARTI * MUSICA * SPORT * NATURA * ESPERIENZE * NATURA * LOTTE * IDEE

✯✯✯✯ VEDI IL PROGRAMMA ✯✯✯✯
https://www.logosfest.org/programma-logos-2019/

«Ai più importanti bivi della vita, non c’è segnaletica.»
E. Hemingway

Continua la lettura di LOGOS Festa della parola 2019: Futuro