Archivi tag: donne

DATECI LO SPAZIO!

IL CENTRO ANTIVIOLENZA D.A.L.I.A. ANCORA SENZA RISPOSTA

Oggi 21 marzo 2013 l’associazione D.A.L.I.A., sportello antiviolenza per le donne, che opera da due anni all’interno del Consultorio di Piazza dei Condottieri nel VI Municipio, e che da 5 anni agisce sul territorio Pigneto Prenestino, si è presentata alla Giunta di questo Municipio per chiedere in via definitiva, alla fine di una lunga serie di tentativi rimasti senza riscontro, l’autorizzazione all’uso dello spazio pubblico e non utilizzato dell’appartamento sito in Via del Pigneto n. 22 presso la ex Serono.

La nostra associazione rivendica dal 2008 la possibilità di disporre dello spazio suddetto per ospitare un centro antiviolenza, che permetta di fornire, oltre alle attività normalmente legate allo Sportello antiviolenza, servizi ed attività diverse direttamente legati alle attività di prevenzione della violenza.

Dal 2008 ad oggi, questa Giunta, attraverso dilazioni, promesse non mantenute e procedimenti poco trasparenti, ha manifestato la non volontà politica di dare spazio ad un centro antiviolenza, in grado di offrire un servizio totalmente gratuito, sia per l’utenza che per l’Amministrazione, e di dare una risposta concreta alle esigenze del territorio.

Ancora oggi la discussione su questo argomento è stata nuovamente rimandata. Mercoledì prossimo 27 marzo alle ore 12,00 incontreremo ancora una volta il presidente del municipio G. Palmieri che dovrà comunicare quanto deciso in giunta. Ci è stato assicurato che l’affidamento dell’appartamento sarà all’odg, e in quella sede si discuterà della nostra richiesta, avanzata con regolarità da 5 anni a questa parte.

Abbiamo già condiviso lo stesso spazio con lo sportello Progetto Diritti, attraverso un protocollo di intesa interno, tra maggio e ottobre 2012, quando fu aperto in via straordinaria per fare fronte a un’ emergenza del territorio.

Ad oggi siamo quindi costrette a constatare che il nostro Municipio, al di là delle dichiarazioni di principio sulla necessità di intervenire sulla questione della violenza di genere, non ne riconosce l’urgenza visto che per cinque anni non si è attivata per la sua soluzione.

Dobbiamo forse porre la questione in Parlamento? Forti delle parole della neo presidente della Camera Laura Boldrini, che ha riconosciuto l’allarmante fenomeno dei femminicidi impegnandosi a combatterlo e a restituire dignità alle donne vittime di violenza. “Dovremo farci carico – ha dichiarato – della umiliazione delle donne che subiscono violenza travestita da amore”.

Ass. donne D.A.L.I.A.

Con il sostegno di:Assemblea delle donne del Consultorio di Pza dei Condottieri, Comitato di Quartiere Pigneto Prenestino, Queer Lab.

Roma, 21 marzo 2013

Amor Revolucionario

L’internazionalismo Necessario

INTERVENTI * READING * VIDEO * NARRAZIONI * CONCERTO * DANCEHALL *
Partecipano: Haidi Gaggio Giuliani e Paola Staccioli, autrici del libro NON PER ODIO MA PER AMORE . Silvia Baraldini, autrice della prefazione.

A Ascolta la presentazione del libro andata in onda su Radio Onda Rossa martedì 27 novembre.

Promuovono
Csoa eXSniaOsservatorio sulla repressione

Quarantacinque anni fa venivano uccisi Ernesto Guevara e altri guerriglieri della sua spedizione. Fra loro c’era anche Tamara Bunke, Tania la guerrillera. Due anni prima il Che aveva lasciato la scrivania di ministro a Cuba per tornare a combattere, in Congo poi in Bolivia. Eroe dell’internazionalismo, il Che è sempre più spesso ridotto a icona. Cosa rimane di quella stagione di ideali e lotte rivoluzionarie?La crisi dell’economia capitalista sta portando allo sviluppo di lotte e movimenti di opposizione nei paesi occidentali. Stenta però a farsi strada un percorso di solidarietà internazionalista, mentre si delinea sempre più chiara una strategia globale di attacco alle condizioni di vita e di repressione di chi resiste alla “devastazione e saccheggio” di territori e diritti.Partendo dalle storie di donne internazionaliste vogliamo riflettere sulle differenti forme che l’internazionalismo può oggi assumere.
Continua la lettura di Amor Revolucionario