NO INC !!!

NE’ DISCARICA NE’ INCENERITORE

MA NEMMENO RIUFIUTI DA ROMA.

MARTEDI 22ORE 18.30 PRESSO OK CLUB V. PANTANELLE CANCELLIERA
VENERDI 25ORE 17.30 CIRCOSCRIZIONE CECCHINA. V. ROCCA DI PAPA
SABATO 26 – ORE 8.00 PRESIDIO AI CANCELLI DISCARICA
RONCIGLIANO V. ARDEATINA KM 24.500

La discarica di Albano Roncigliano andava chiusa 10 anni fa; essersi invece piegati alle pretese di Cerroni ha oggi come conseguenza una situazione paradossale: 50MILA TONNELLATE L’ANNO AGGIUNTIVE DA SVERSARE PROVENIENTI DA ROMA. Questo in un territorio già devastato da quaranta anni di discarica che ha cambiato il profilo dei luoghi, inquinato le falde, reso sempre più difficile la vita di migliaia di persone, incrementato mortalità e rischio malattie di molti.

Tutto ciò per ordine del superministro Clini benché dimissionario e, teoricamente in carica solo per l’ordinaria amministrazione, sentite sempre le disponibilità del solito  erroni. Costui in tal modo non perderà i soldini che già incassava e incassa a Malagrotta e che potrà, eventualmente, non incassare dopo la chiusura di questo impianto. Il coordinamento ha presentato da molti mesi ricorsi contro la sentenza del Consiglio di Stato (che ha autorizzato l’inceneritore di Albano): presso il Tribunale di Bruxelles, la  EDU di Stasburgo e la Cassazione (con udienza fissata per febbraio); da più di un anno anche un ricorso al TAR contro il VII invaso e i suoi collaudi fatti casaccio; ha fornito  na quantità imponente di materiale alle Procure di Velletri e Roma. Le Amministrazioni comunali, invece, annunciano solo oggi in maniera confusa ed incerta, un ricorso al tribunale di Strasburgo; si limitano a mandare letterine alla Regione per chiedere il controllo dei pozzi-spia interni alla discarica, dopo aver rinunciato ad imporre al CNR questo compito.

Forse manderanno un’altra letterina al GSE aspettando comunque i comodi di costoro. L’ARPA in un anno e mezzo ha fatto due soli campionamenti in 2 pozzi su 11, per sole due sostanza su venti. Noi continuiamo  ad attendere una differenziata degna di questo nome in nove comuni su dieci, mentre si annunciano nuovi impianti inquinanti a Cancelliera e Velletri per produrre energia da rifiuti. È assolutamente necessario, sopratutto ora, che il protagonismo dei cittadini dimostrato in questi cinque anni nella vertenza contro l’inceneritore, si confermi come garanzia della mobilitazione per:
OTTENERE LA CHIUSURA DEL SITO DI RONCIGLIANO E RESPINGA LE PRETESE DEL MINISTRO CLINI, DEL PREFETTO SOTTILE E DI PADRON CERRONI.

Invitiamo tutti alle prossime assemblee pubbliche:
MARTEDI 22 –ORE 18.30 PRESSO OK CLUB V. PANTANELLE CANCELLIERA
VENERDI 25 – ORE 17.30 CIRCOSCRIZIONE CECCHINA. V. ROCCA DI PAPA
SABATO 26 – ORE 8.00 PRESIDIO AI CANCELLI DISCARICA
RONCIGLIANO V. ARDEATINA KM 24.500

Coordinamento Contro l’Inceneritore di Albano