Manifestazione dei migranti il 28 ottobre

APPELLO MANIFESTAZIONE – BRESCIA 27 OTTOBRE, ROMA 28
OTTOBRE

UN ANNO E MEZZO DI GOVERNO PRODI E QUALI RISULTATI?
LA VITA DEI CITTADINI IMMIGRATI CONTINUA A PEGGIORARE

Il governo Prodi è in carica da oltre un anno e la
condizione di noi immigrati non è minimamente
migliorata, anzi, in alcuni casi, si è fatta più
pesante. Basta pensare alla situazione drammatica dei
richiedenti asilo, la questione della regolarizzazione
generalizzata di tutti gli immigrati presenti in
Italia.

La stessa fumosa proposta di legge Amato – Ferrero si
limita a promettere piccole migliorie (tra l’altro
tutte da verificare), lasciando però sicuramente
intatto i pilastri fondamentali della Bossi-Fini: il
legame tra il permesso di soggiorno e il contratto di
lavoro che rappresenta (uno dei principali strumenti
di ricatto in mano padronale), il mantenimento dei CPT
o CDI, nonché la detenzione amministrativa dentro e
fuori i confini italiani, il protocollo firmato tra
Ministero degli Interni, Poste Italiane, Patronati e
ANCI.

Questo procedimento inefficiente ed inadeguato, sia
nella forma e sostanza, ci porta al pagamento alle
poste italiane di 72 euro per le pratiche di
Permessi/Carta di Soggiorno ecc…

Inoltre, il governo continua ad intensificare e
sostenere le politiche repressive su tutti i livelli,
mantenendo in vita il decreto anti-terrorismo, i bliz
e gli sgomberi di ambulanti, campi rom, il
potenziamento delle strutture dei CPT con nuovi
finanziamenti, confermando il reato di
“clandestinità”, appoggiando il “patto per la
sicurezza dei sindaci” promosso da Veltroni che di
fatto dichiara la guerra ai lava-vetri e a qualsiasi
immigrato “sospetto” di non essere in regola.

In questi anni noi lavoratori immigrati abbiamo
assunto un ruolo sempre più importante nella struttura
produttiva italiana. Nell’edilizia, nel settore
alberghiero, nella ristorazione, nel lavoro di cura
verso i bambini e gli anziani, nell’agricoltura e
nelle fabbriche del Nord siamo oramai in tanti e le
aziende e le famiglie italiane non possono fare a meno
di noi. Ma terminate le nostre 10 o 12 ore di lavoro
quotidiano padroni e padroncini ci vorrebbero muti ed
invisibili.

È questo nostro peso nel campo produttivo, non si è
mai trasformato, ne in peso politico, ne in termini di
diritti di cittadinanza.

È per questo che facciamo appello a tutti i cittadini
immigrati (lavoratori e non), gli anti-razzisti, gli
studenti, i precari, i disoccupati e tutte le forze
politiche e sociali a partecipare alle manifestazioni
di lotta per i nostri diritti e contro il razzismo.

È venuto il momento di dire basta! Tutti in piazza
alla conquista dei diritti!

• Per una regolarizzazione generalizzata e permanente
per tutti i migranti presenti in Italia
• La rottura della “vergognosa” convenzione di 72 euro
sui Permessi/Carta di Soggiorno, tra Ministero degli
Interni, Poste Italiane, Patronati e ANCI
• Il passaggio delle competenze sui Permessi/carta di
soggiorno dalle questure ai comuni.
• Per l’abolizione integrale della Bossi-Fini e il
“No” alla Turco – Napoletano o eventuale Revisione.
• Per la rottura completa del legame tra permesso di
soggiorno e contratto di lavoro
• Per la cittadinanza italiana a tutti i figli degli
immigrati nati o che hanno studiato in Italia
• la chiusura definitiva dei CPT, senza la creazione
di nuovi lager
• una legge in materia d’asilo politico che tuteli
realmente i richiedenti e i rifugiati

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL CENTRO -NORD A BRESCIA
SABATO 27 OTTOBRE 2007
Ore 14.30 – PIAZZA LOGGIA

**************************************************************

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL CENTRO -SUD A ROMA
DOMENICA 28 OTTOBRE 2007
Ore 15.00 – PIAZZA DELLA REPUBBLICA

Lascia un commento