ARTI INDIPENDENTI 09

ARTI INDIPENDENTI 09

ARTI INDIPENDENTI 09

Rassegna di moti teatrali

Tutti i giovedì dal 9 al 30 aprile

Ingresso libero

uscita a capello

 

Sostenere significa affermare la propria libertà di pensiero e di parola

una scena per svelare

un palco per ricordare

un posto per resistere

 

 

cena ore 20:30

inizio spettacoli ore 22

c.s.o.a. Ex Snia Viscosa

via Prenestina,173

 

PROGRAMMA:

 

·         09/04/09   Burattinando con la storia: le fosse ardeatine

Mago coppelius

Scritto e diretto da Donato Pichi – Con donato Pichi e Valeria Bianchi

1944. Roma è Occupata dai Tedeschi. Il ruolo degli artigiani nella lotta contro l’occupazione è il tema principale di questo spettacolo. Un racconto sulla resistenza romana attraverso la storia di Enrico Ferola, Rugantino portatore del grido dei romani e le donne rimaste sole.

Ore 20:30 testimonianze dei giorni della resistenza a roma.

 

·         16/04/09   Sangue dal  Naso – Scuola Diaz Genova 2001           

Teatro delle Condizioni Avverse

Scritto diretto e interpretato da Andrea Maurizi

Andrea Maurizi veste i panni di numerosi personaggi che sono stati protagonisti di quelle giornate del luglio 2001 a Genova. I personaggi scelti sono soprattutto figure legate al potere, al mantenimento dell’ordine e alle perizie. Lo spettacolo vuole svelare le differenze tra quello che la gente comune sa e quello che le vittime delle violenze raccontano, usando paradossalmente solo le parole contraddittorie del potere e i ragionamenti dell’attore stesso.

Mostra Fotografica Genova 20-21 luglio 2001 di Valentino Griscioli

 

 

·         23/04/09   Ritorno a Haifa                                                                   

scritto da Ghassan Kanafani; interpretato e diretto da Francesco Feola

“Ritorno a Haifa” è la storia di due genitori arabi che ritrovano dopo vent’anni il figlio perduto nell’esodo dalla Palestina. Adottato da una coppia di ebrei polacchi sopravvissuti ad Auschwitz, il figlio è diventato a pieno titolo un ebreo, ed ogni tentativo di comunicare con lui sarà impossibile.

 

A seguire Racconti di alcuni partecipanti della Carovana Internazionale in Palestina “Sport sotto l’assedio”

 

 

·         30/04/09   La personale esperienza di Cappuccetto Rosso

Ovvero molteplici storie di una storia sconosciuta.                                                                     

Regia: Chiara Moretti e Savino Italiano                                                                              

Libera interpretazione da “Le petit Chaperon Rouge” di Perrault e dal “Cappuccetto Rosso” versione orale. Spettacolo itinerante per  8 spettatori alla volta, che passeranno attraverso un percorso sensoriale in cui lo “spett-attore” diventa Cappuccetto Rosso e vive un’ iniziazione necessaria alla sua personale (e naturale) crescita. Arrivando al racconto di una storia di violenza. Un cammino che, peraltro, la storia stessa di “Cappuccetto rosso” ha fatto: dalla storia orale eccoci alla versione di Perrault, dall’uomo le cui narici sanno di tabacco eccoci al lupo nascosto nel bosco, dalla bambina che si conosce e si scopre donna eccoci a “Cappuccetto Rosso”.